In evidenza

Perché un blog?

Perché la passione per la corsa è coinvolgente e ho voglia di raccontare ciò che provo e le esperienze che vivo correndo.
Corro da molti anni, a volte è stata dura trovare la motivazione ma è bello far parte di questo mondo ed essere un runner.
5 al chilometro, 300 secondi per fare 1000 metri. Un numero, un limite spesso invalicabile per molto tempo, un obiettivo da raggiungere e superare.

 

Adidas Supernova 9

supernova 9 

 

L’ultimo acquisto è la Adidas Supernova 9 che pur appartenendo alla categoria massima ammortizzazione mi ha incuriosito sia per la presenza di un inserto in plastica posto nel lato interno del tallone

supernova 9 int

sia per la pianta larga che la rendono piuttosto stabile nella rullata. Unica incognita il Boost che secondo alcuni causa problemi di controllo nell’appoggio.

Peso effettivo del mio numero (10 US) 310 grammi.

Secondo Runningshoesguru è paragonabile con Brooks Ravenna 8, e le altre definite “ibride” cioè categoria max ammortizzazione e stabilità

Secondo Runlovers è una max ammortizzazione moderna cioè che da supporto e stabilità quando serve.

1° e 2°test: corsa lenta 10km:

La prima impressione appena indossata è di estrema comodità, rispetto alla NB1080 v7 la suola in boost è molto più morbida ma allo stesso tempo nella rullata molto più reattiva.

Nei primi chilometri il ritorno di energia quando si atterra sul boost sembra sia anche troppo marcato, ma la sensazione di “rimbalzo” svanisce poco dopo quando si inizia ad apprezzare il buon grado di protezione che regala quando il passo è lento e la falcata corta e poco marcata dalla spinta dei polpacci. Anche su sterrato la sensazione è di protezione e l’appoggio molto stabile, il piede si muove bene senza cedere all’interno seppure non si avverte la presenza di alcun supporto.

Nei tratti in discesa quando l’appoggio è più su tallone che mesopiede, si apprezza molto il potere del boost di attutire gli impatti con il terreno, il tallone è sempre ben posizionato e non si notano cedimenti ai lati.

3° test ripetute brevi:

Ero molto curioso di provarle su velocità diverse e dopo i primi 20 km fatti a passo tranquillo esco per 12×300

Ed in effetti, come pensavo, è quando aumenta la spinta e la falcata diventa energica che si nota la differenza. Da scarpa prettamente ammortizzata e protettiva si trasforma ed in spinta restituisce una bella dose di energia. Insomma sono reattive ed il peso non da fastidio.

A questo punto non mi rimane che provarla in gara, e credo che per le distanze fino a 10/12 km specie su percorsi vari e non piatti, possano dare il meglio.

Per adesso quindi la rotazione con le NB 1080 v7 sarà questa:

Uscite lente, lunghi e mezze con NB 1080 v7

Allenamenti di qualità e gare brevi Adidas Supernova 9

Seguiranno aggiornamenti…

New Valance 1080 v6

La NewBalance1080 v6 è per me una certezza, sono al secondo paio di questa versione con la quale mi sto trovando benissimo.

Peso inferiore ai 300 grammi nel mio numero che è un 43 Eur (di solito calzo il 44) molto confortevole, pianta larga il piede non è sacrificato e le dita hanno tutto lo spazio necessario. Il drop 8mm, pur essendo abituato di solito a drop 10, non mi ha causato alcun problema di adattamento, favorito dal buon grado di ammortizzazione della suola, anzi ha sicuramente favorito la tecnica di corsa e l’appoggio di mesopiede anziché di tallone.

Essendo un lieve pronatore, prima di questa scarpa correvo con Brooks Ravenna, posso confermare che pur non avendo alcun supporto questa scarpa è molto stabile ed accompagna il piede in tutta la rullata senza cedere all’interno.

Scarpa versatile e tuttofare, caratteristica che è sicuramente un pregio ma che si rivela anche controproducente in quelle situazioni dove vorremmo una scarpa che ci accompagni nei cambi di ritmo. Insomma è come se avessero solo una marcia a disposizione, stabile, sicura, ma senza strafare.

Difetti:

La soletta interna causa vesciche sotto l’arco plantare, a me che ho un piede poco arcuato, quindi l’ho sostituita con altre di vecchie scarpe ed ho risolto.

Sono attualmente a 500 km circa ed iniziano ad essere un può scariche, come il primo paio dopo 600 km sono vicine al capolinea…

È da poco uscita la v7 quindi presto passerò senz’altro alla nuova versione

La giornata perfetta di un runner qualunque

La giornata perfetta per un runner è quella nella quale raggiunge un risultato insperato, che va oltre ogni sua aspettativa.

Noi podisti, chi più chi meno, siamo sempre alle prese con allenamenti e tabelle durante la settimana e gare quasi ogni domenica. Subito dopo aver concluso una gara ci concentriamo sulla successiva e così via. Anche quando ci prepariamo per una gara importante spesso non tutto va come sperato ed allora subito sotto con il prossimo impegno alla ricerca dell’obiettivo. Anche perché le variabili in gioco sono molte ed è difficile che tutte coincidano alla perfezione.

In realtà quindi di giornate “perfette”, quando tutto gira al meglio, le sensazioni provate ed il risultato finale ci soddisfano in pieno, sono veramente poche. Tutti noi l’abbiamo vissuta almeno una (spero), ed in quei momenti, la soddisfazione veramente ti ripaga di tutto l’impegno che si è messo nel raggiungere il proprio obiettivo.

Perché diciamo la verità, la nostra passione per questo sport è grande, ma lo sono anche i sacrifici che ci fa fare. Non sempre e non tutti siamo disposti a farli. Ci sono periodi in cui il lavoro e gli impegni quotidiani lasciano poco tempo da dedicare al nostro hobby,  poi ci sono gli imprevisti che purtroppo la vita ogni tanto riserva a tagliare le gambe. Ma se veramente ci anima la passione per la corsa, prima o poi si troverà sempre un piccolo spazio da dedicargli, e la voglia di riprendere a correre l’avrà sempre vinta.

Questo era il mio obiettivo per il 2017: correre una mezza maratona in 100 minuti, un’ora e quaranta minuti. Un obiettivo per moltissimi di voi banale, ridicolo, ma come ormai siamo abituati a leggere da chi scrive sul mondo della corsa, ognuno corre contro se stesso, ed ha i propri obiettivi. Anche perché chi di noi corre per vincere o per competere con i primi, è veramente in minoranza, una percentuale minima rispetto a tutto il mondo delle gare amatoriali.

Non pensavo di realizzarlo così presto, anche se i tempi e le sensazioni delle ultime uscite in allenamento davano segni di un certo miglioramento.

Ma è proprio quando meno te lo aspetti che arriva quella che subito dopo aver tagliato il traguardo, quando il sangue riprende ad affluire anche alle zone periferiche del corpo e soprattutto alla testa, che realizzi che hai appena vissuto la giornata perfetta.

(per chi ha voglia di leggerli, i dettagli li trovate qui.)

 

 

Mezza di Città di Castello

Dopo le due mezze corse a febbraio e marzo con tempi pressoché identici (1h43), su percorsi poco adatti per fare “Il tempo”, ho messo in programma questa gara che finalmente è stata anticipata rispetto alle passate edizioni. Percorso piuttosto scorrevole, serviva una giornata non troppo calda come in effetti è stata. La pioggia prevista da tutti i meteo ha lasciato il posto ad una splendida mattina soleggiata ma fresca, l’ideale per correre.

In una domenica dove i più sono impegnati tra Roma e Milano e con una gran concomitanza di gare in ogni dove, gli iscritti non superano i trecento, il clima è festoso e supportato da un’ottima organizzazione. La cornice del centro storico poi è veramente bella, l’arrivo in piazza con il tratto finale in leggera ascesa e l’arco posizionato pochi metri dopo l’ultima curva.

La partenza è anticipata alle 8:30, la sveglia suona prima dell’alba, ma in compenso si corre con un’aria leggera e frizzante, c’è giusto il tempo per un breve riscaldamento e siamo subito nella calca della partenza.

I primi chilometri attorno alle mura scorrono veloci, parto al centro del gruppo che in breve si allunga in un serpentone un po’ sfilacciato, circa la metà dei partenti corrono la gara breve di otto chilometri, e nei primi due chilometri in molti sopravanzano da dietro, poi le posizioni iniziano a definirsi e con il passare dei minuti molti di quelli partiti a molla rientrano nei propri ranghi in un gioco simile all’elastico di una fionda.

Cerco di non strafare, di trovare il ritmo giusto per me senza farmi trascinare dagli altri. E’ incredibile come nonostante le tante gare fatte, ogni volta rischi di farti travolgere dalle emozioni e sbagliare ritmo. Le gambe girano bene e quasi scappano via, non riesco a controllare bene il ritmo, o meglio, corro più veloce del solito ma senza andare in affanno.

Al 6° km quando i percorsi con la gara più corta si separano, mi fermo una manciata di secondi al primo ristoro per bere e riprendere fiato, ma subito ritrovo il ritmo e decido che anche ai prossimi rifornimenti, ogni 5 chilometri, farò lo stesso.

Senza troppa fatica tengo un passo costante poco sopra i 4’45” che nella mia mente rappresenta l’obiettivo finale. Corro da solo, un piccolo gruppetto davanti a me di 40 metri circa si mantiene a distanza costante, mentre dietro non sento passi ravvicinati.

Mentre i chilometri scorrono attendo di entrare in doppia cifra. Mentalmente infatti suddivido la gara in 3 fasi, la prima, una sorta di pre-gara, comprende i primi 10 chilometri da raggiungere senza affaticarmi troppo, naturalmente al miglior ritmo possibile; la seconda dall’ 11° al 15° km è cruciale per lo sviluppo della gara, più importante del finale perché un errore in questo frangente potrebbe pregiudicare il resto. E’ necessario aumentare il passo ma senza strafare e rischiare di scoppiare. E’ la fase dove conta maggiormente avere il controllo della situazione e capire in base ai segnali che il fisico ed i muscoli inviano come comportarmi. La terza e quella degli ultimi 6 km dal 16° al traguardo, quando è necessario dar fondo alle energie rimaste e nonostante la fatica provare ad incrementare il ritmo fino all’arrivo.

Passo al 10° chilometro in 48′ netti, la sensazione è che la strada scorra velocemente, mentalmente calcolo che mantenendo il passo costante al 20° sarebbero 96′ + 5′ per gli ultimi 1100 metri chiuderei in 101′ , sotto il mio miglior tempo di Bastia Umbra. Con la stessa rapidità penso anche che sarà dura correre ancora per 11 km a quel ritmo ed il rischio di strafare è sempre dietro l’angolo.

E’ proprio questa la fase della gara dove la testa conta maggiormente, meglio pensare positivo, meglio ancora concentrarsi sulla gara ascoltare i segnali del corpo e non pensare ad altro.

Brevissima sosta anche al secondo ristoro poco dopo l’11° km. Riprendo a correre e raggiungo il gruppetto che avevo davanti. Adesso con il percorso leggermente favorevole rispetto al falsopiano precedente, il ritmo si fa più intenso. I successivi tre chilometri scorrono via con relativa facilità ed i passaggi sono a 4’41”, 4’41” e 4’45” al 14° km quando rimaniamo in due mentre gli altri sono leggermente arretrati.

Il 15° km segna 4’33” ed in effetti sento che sto spingendo un po’ troppo ma cerco di tenere  il ritmo fino prossimo ristoro quando, come nei precedenti riprendo fiato. Passo il 16° in 4’47” compresa la breve pausa. Quando riprendo sono solo, il mio socio decide infatti di tirare dritto e sfila via di 30/40 metri. Pur mantenendo il passo costante, iniziano i sorpassi di chi sta rallentando e questo mi aiuta a proseguire nella mia azione.

Ormai siamo nella fase finale e nonostante le gambe siano imballate, basta infatti un piccolo falso piano per avere la sensazione di essere al limite, proseguo a tirare sempre più convinto che forse è la giornata giusta.

4’37” il 17° e 4’44” il 18° km compreso l’ultimo ristoro volante, ed il percorso rientra nel lungo rettilineo già fatto all’andata interrotto soltanto da qualche rotonda. Mancano ormai meno di tre chilometri, sento la fatica aumentare e cerco solo di non pensare a quanto manca e a far scivolare la strada sotto ai piedi. 4’32 al 19°, l’unico pensiero è quel cartello dei 20 km che sembra non arrivare mai. Gli ultimi due passaggi sono identici, il 20° ed il 21° entrambi a 4’34” . Ormai sono dentro alle mura del centro storico e la lieve salita che ci porta al traguardo taglia letteralmente le gambe.

Mentre do’ fondo alle ultime forze vedo il crono scorrere oltre l’ora e quaranta. Giusto il tempo di alzare lo sguardo ed è fatta.

1h40’14”

Un risultato insperato ma che in fondo sentivo di poter valere.

38° Passeggiata a coppie 

 

La corsa è uno sport individuale, ma con qualche eccezione. Tipo quella di domenica scorsa a Siena con la Passeggiata a coppie della Befana.

Fino a domenica scorsa, ha quasi dell’incredibile, non avevo mai corso a Siena, è successo con una classica, giunta alla 38° edizione, di cui spesso ho sentito parlare in passato, non tanto per la gara in sé, ma per aneddoti legati alla sua formula particolare.

Si corre a  coppie, e per entrare in classifica si deve tagliare il traguardo assieme.  Se scegli il compagno sbagliato rischi di farti tirare il collo su e giù per i saliscendi del percorso di 11 chilometri e mezzo, insomma un bel calvario.

La mattinata è molto fredda e ventosa, arriviamo a Siena presto, il ritrovo è all’Acquacalda. Faccio l’iscrizione, mi chiedono di fare coppia con un podista che come me si è presentato senza compagno, accetto sperando che non abbia grosse velleità di classifica.

Partenza alle 9:30, siamo oltre 400, la strada,subito in salita, si snoda nella periferia nord e le campagne circostanti. Il percorso è un susseguirsi di saliscendi con alcuni strappi veramente impegnativi. Con il mio compagno, runner navigato più esperto di me, decidiamo di andare in progressione. Partiamo a “freddo” senza riscaldamento, nei primi chilometri il ritmo è molto facile. Lui avrebbe  un passo più veloce del mio, ma rientra da un lungo infortunio, così mi racconta, e quindi siamo in sintonia sul ritmo da tenere.

Dopo alcuni chilometri le gambe girano meglio, alziamo il ritmo e nei tratti in salita recuperiamo diverse posizioni.

Prima della partenza ero stato avvisato da chi aveva già corso le passate edizioni sulle due salite più impegnative, ed in effetti dopo il sesto chilometro inizia un lungo tratto impegnativo al quale poi segue una discesa molto ripida, il cartello stradale segna 13%, ma è meglio non forzare troppo sul ritmo anche perché in lontananza si vede benissimo il muro che ci aspetta dopo la discesa; una salita ripida di circa 600/700 metri letteralmente spacca gambe, finita la quale si continua a salire per oltre un chilometro  fino a 500 metri dall’arrivo.

Chiudiamo in 59′ netti, con un bel finale in crescendo una gara dura e senza un metro di pianura.

Organizzazione tipica della Uisp senese, essenziale, senza fronzoli, dove si respira l’atmosfera genuina di questo nostro sport.

 

Le mie scarpe, storia di un pronatore

Provo a riassumere il lungo elenco di scarpe con cui ho corso fino ad oggi. In altri post aggiornerò l’elenco con i futuri acquisti, cercando di descriverne le caratteristiche e le mie impressioni.

La prima scarpa da running che ho acquistato è stata la Asics Gel-Kayano versione IX, era il 2003.

Asics Gel-Kayano IX

Pesava la bellezza di 377 g., adatta ad iperpronatori ed ultra protettiva, risolse i problemi che mi procurai correndo con normali scarpe da ginnastica. Quando le uscite ed i chilometri aumentarono infatti, arrivarono i primi infortuni tipici di chi inizia a correre dopo anni di inattività, a causa di errori quali l’aumento repentino del chilometraggio spinti dall’entusiasmo e dalle sensazioni di benessere che induce la corsa.

Il più ricorrente è stato l’infiammazione dei muscoli della tibia, con dolore sia nella parte anteriore che interna, e nella fase acuta costringeva a fermarsi tanto era forte. Sospesi la corsa e con l’aiuto di un fisioterapista risolsi l’infiammazione, e successivamente acquistai le Kayano.

Visto che il mio piede ha un arco plantare molto ridotto, tendente al piatto, ho utilizzato scarpe per iperpronatori A4 per molti anni, e quando provavo a cambiare scarpa, ad esempio ricordo la Asics Nimbus, puntualmente tornava il fastidio all’interno della tibia che si trasformava in dolore se non sostituivo la scarpa con una A4.

La Kajano l’ho pensionata dopo molto tempo, ormai finita, ed ho scoperto le Brooks. Per vari anni ho corso con le Adrenaline GTS, dalla versione 6 del 2006

Brooks Adrenaline Gts 6

alle versioni 11, 12 e 13

brooks-adrenaline-gts-11-2012Brooks Adrenaline Gts 12Brooks Adrenalite Gts 13

Scarpa anch’essa protettiva, A4 ma un pò più leggera e reattiva della Kayano di peso leggermente inferiore.

A settembre del 2013 un nuovo infortunio, infiammazione del legamento collaterale laterale del ginocchio dx, al quale è poi seguita l’infiammazione della bandelletta ileotibiale, tipico anche questo del podista, rimette in discussione la scelta della scarpa giusta per me.

Anche questa volta ho dovuto prima sospendere le corse, fare dei trattamenti per ridurre l’infiammazione e molto ghiaccio; ma sono stati gli esercizi di potenziamento specifici che mi hanno aiutato a superare il problema alla bandelletta, che se si cronicizza è veramente una brutta bestia da superare. 
Premesso che in genere non credo sia la scarpa la causa principale dell’infortunio, ho avuto la sensazione che le Adrenaline, dopo molti anni di utilizzo, non fossero più adatte a me, ed il supporto antipronazione fosse divenuto eccessivo per il mio piede, tant’è che l’appoggio si era modificato. Indossandole infatti, rullavo con la parte esterna del piede, che è tipico del supinatore.

Eppure il mio arco plantare era sempre lo stesso ed il piede quasi piatto. Correndo invece con la Nike Lunarglide 3, stabili ma con un sistema antipronazione di concezione diversa, meno invasivo, l’appoggio era più centrato ed il fastidio a fine seduta nella parte esterna del ginocchio quasi assente.

Nike Lunarglide 3

Nel frattempo ho fatto un paio di prove dell’appoggio su pedana in due diversi negozi specializzati, che hanno mostrato sì una leggera pronazione, più accentuata nel piede destro, ma non tale da giustificare l’utilizzo di scarpe stabili e troppo “supportate”.

La scelta è stata quindi di cambiare scarpa e sono passato alla Brooks Aduro 1° versione

Brooks Aduro

che pur essendo considerata una A3, piuttosto stabile. Infatti nel cercare una nuova scarpa valutavo se in fase di rullata il piede non cedesse troppo verso l’interno con la pianta del piede, verso l’alluce per interderci, invece che concentrarmi sull’appoggio del tallone.

Successivamente ho fatto un test statico con la Asics in un negozio specializzato, ed anche questo evidenzia un lieve disallineamento del tendine di achille verso l’interno, tipico del pronatore, più accentuato sul piede destro, ma un appoggio tendente al neutro del piede. Concluso il test acquisto un paio di Asics Gel Cumulus 15, scarpa della categoria A3 piuttosto pesante e protettiva ma ideale per la preparazione alla maratona di Firenze in programma. In effetti l’ho usata per circa 900 km prima di abbandonarla, in quasi tutti gli allenamenti compresi i lunghi e la maratona stessa, anche se non mi portano molta fortuna… ma questa è un’altra storia.

Asics Gel Cumulus 15

Stanco di correre solo a lungo e a ritmi lenti, decido di tralasciare i sogni da aspirante maratoneta e torno a correre su distanze brevi fino alla mezza. Acquisto on line e senza provare la Ravenna della Brooks. Non l’avevo mai presa prima perché la ritenevo troppo leggera per correre con le mie medie. È subito amore, il giusto compromesso tra protezione e reattività che fino a quel momento non avevo trovato in nessuna scarpa. Dopo la 5 ho preso anche la 6, ma purtroppo non è stata al livello della precedente, mentre con la versione 7 che uso tutt’ora ho ritrovato migliori sensazioni anche se dopo nemmeno 500 km di utilizzo sembrano piuttosto scariche.

Brooks Ravenna 5 Brooks Ravenna 6   Brooks Ravenna 7

Sto correndo anche con la New Balance 1080 v6

una A3 del peso di 290 g. E’ una scarpa molto stabile ed ammortizzata con drop 8. In questo periodo, dopo averla lasciata ai box per qualche mese la sto usando assiduamente e mi trovo bene. La sensazione è di una calzata morbida ed avvolgente, la pianta larga non sacrifica il piede, ma dà stabilità nell’appoggio. Calza abbondante, ho preso un numero in meno del solito, il 43 anziché 44.

Unica pecca di questa scarpa, è la soletta interna. Ho dovuto sostituirla con una diversa perché la sua originale mi procurava vesciche sotto l’arco plantare. Sarà un problema del mio piede ma ho letto vari commenti di altri runner con lo stesso problema.

Naturalmente in questa lunga carrellata non sono menzionate  le scarpe acquistate che poi si sono rilevate errate e che ho dovuto abbandonare dopo poco.

Tirando le somme quindi, rispetto ai primi anni, grazie anche all’adattamento ed al rinforzo della muscolatura coinvolta nella corsa e del piede, si è ridotta la necessità di un supporto antipronazione, inoltre anche la suddivisione delle scarpe in categorie non è più così netta e ci sono modelli trasversali adatti a vari tipi di runner anche differenti tra loro.